Da oltre 60 anni al servizio della comunità

Fato. Destino. Coincidenza.

Quante volte usiamo queste parole raccontando un aneddoto della nostra vita. Niente di nuovo ed è dalla notte dei tempi che sentiamo l’esigenza di dare un volto al fato. Nell’antica Grecia veniva impersonificato in tre sorelle: Cloto, Lachesis e Atropo, le Tre Moire che filavano, svolgevano il filo e con rapido colpo lo recidevano inesorabilmente. Venivano chiamate anche Fatae da cui derivano le nostre moderne fate delle favole.

L’idea di poter avere sempre la possibilità di scegliere e agire senza costrizioni di sorta (quello che viene comunemente chiamato libero arbitrio) si è sempre contrapposto all’idea che ci sia un disegno già scritto prima ancora di venire al mondo, il così detto “destino segnato”David Szalay nel libro “Tutto quello che è un uomo” scrive:

“…E pensa: è proprio così che funziona, col destino, capisci cos’ha in serbo per te quando è troppo tardi per rimediare. Per quello è il tuo destino – perché è troppo tardi per rimediare.

“Quindi è qualcosa che esiste solo a posteriori?” Domanda lei.

“Direi di sì”»

Per un approfondimento vi segnaliamo un interessante articolo su la Stampa di qualche anno fa (2011)

http://www.lastampa.it/2011/08/25/blogs/la-bussola-d-oro/destino-fato-karma-e-non-azione-H04lhPcVkydwztFsRdnnFN/pagina.html